English

Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

English

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

La Tesla in mano ai follower

I software di Mcafee venduti per 14 miliardi. La società di software Mcafee sarà acquistata da un gruppo di investitori per oltre 14 miliardi di dollari, compreso un debito di circa 4 miliardi. L’accordo con il gruppo di investitori, che include Advent international corp., Permira advisers e Crosspoint capital partners, dovrebbe chiudersi nella prima metà del 2022. La transazione sarà solo in contanti, 26 dollari ad azione, con un premio del 22,6% rispetto alla chiusura di venerdì. Mcafee era stata quotata a Wall Street poco più di un anno fa. È stata la prima società a immettere sul mercato un antivirus.

A 17 anni vendeva green pass falsi. A 17 anni gestiva un traffico di green pass falsi attraverso l’applicazione Telegram con hacker russi. La denuncia presentata da una modella raggirata che non voleva vaccinarsi. Tutte le prove portavano a due medici, marito e moglie. All’inizio le indagini su un giro di green pass falsi puntavano infatti sulla coppia di sanitari. Ma la Polizia postale ha poi accertato che invece nella truffa a livello internazionale era coinvolto loro figlio di 17 anni. Un vero e proprio esperto informatico che attraverso l’applicazione Telegram vendeva in Italia la certificazione verde falsificata al prezzo di 150 euro. La Polizia postale di Roma ha anche scoperto il tariffario: per un greenpass si pagavano 150 euro, per quattro 300 euro e per sei documenti falsi 500. Il ragazzo, per le sue abilità informatiche, era diventato il referente italiano di un gruppo di pericolosi hacker russi, specializzati nella creazione di certificazioni verdi taroccate. Dopo aver ricevuto la richiesta dell’utente, comunicava dunque i dati al “collega” hacker russo e forniva le indicazioni su come procedere al pagamento. Per poter confezionare un certificato credibile, il gruppo criminale richiedeva l’invio della copia dei documenti d’identità che venivano poi utilizzati per aprire conti online, carte di credito o account presso le principali piattaforme di eCommerce o compiere altri reati. Intanto il quotidiano Domani ha provato ad acquistare, senza successo, un finto certificato verde su Telegram.

Contratti pirata e truffe web: il mercato gira su Telegram. Non solo Dazn: è diffuso il fenomeno degli account illegali a servizi on demand. Addirittura alcuni canali usano nomi ufficiali, come Dazn Italia. Tanto nella giungla di Telegram, da qualche tempo piattaforma preferita da ogni cybercriminale, è consentito più o meno tutto. E allora è proprio lì che esplode il mondo illegale degli abbonamenti a servizi on demand. Dazn, ma anche Netflix, Spotify, Disney+ e tutto il macrocosmo di app che compongono il mondo dei contenuti digitali. Oggi le inserzioni che si trovano online sono centinaia e promettono accesso alla piattaforma a prezzi irrisori: fino a 2,5 euro al mese, cioè oltre dieci volte meno l’abbonamento reale (che costa 29,99 euro, per i nuovi abbonati). C’è un canale Telegram che conta oltre 30mila iscritti e i gestori si descrivono come “esperti in questo campo da anni nella vendita di account Dazn e tanto altro”.

Google vale oltre 2mila miliardi di dollari. Dall’inizio dell’anno i titoli Alphabet (questo il nome della società quotata) sono saliti del 72%, dato che ne fa il top performer fra i cinque maggiori titoli tecnologici statunitensi, grazie soprattutto alla crescita del business pubblicitario.

La Tesla in mano ai follower. Elon Musk venderà il 10% delle azioni di Tesla. A deciderlo è Twitter, dopo che l’uomo più ricco del mondo aveva lanciato sabato un sondaggio rivolto ai 62 milioni di utenti che lo seguono. Il 58% ha detto sì senza suscitare alcuna ulteriore indicazione da Musk che però ha precisato: “Non percepisco stipendi o bonus. Ho solo azioni. Di conseguenza, l’unico modo che ho per pagare le tasse è vendere le azioni”. Il titolo è crollato nel premercato fino al 7% in apertura, ma poi ha recuperato terreno.

Cybercrime emergenza globale, danni oltre 6% Pil mondiale. Quella della cybersicurezza è “un’emergenza globale” che ha “impatti profondi su ogni aspetto della società e della geopolitica” e danni economici stimati “pari a oltre il 6% del Pil mondiale”. È il grido d’allarme contenuto nel Rapporto Clusit relativo al primo semestre 2021, riferito alla situazione mondiale. Ci sono stati il 24% in più di attacchi gravi, quelli con effetti “molto critici o devastanti” sono passati dal 49% al 74%. Per l’Italia “auspichiamo che il Pnrr possa rappresentare l’occasione di mettersi al passo e colmare le proprie lacune anche in ambito cyber”, dice Andrea Zapparoli Manzoni, co-autore del Rapporto. Secondo il rapporto nel semestre considerato 36 milioni di eventi malevoli, in aumento del 180% rispetto allo stesso periodo del 2020. A livello mondiale, secondo i ricercatori, nel primo semestre 2021 sono aumentati del 21% gli attacchi gravi compiuti per finalità di Cybercrime, cioè per estorcere denaro (rappresentano l’88% del totale).

Dopo Facebook è corsa al metaverso, anche Microsoft e Nike. Il metaverso non è più materia di fantascienza, ma viene considerato il futuro di Internet, un settore che potenzialmente potrebbe diventare un’opportunità di investimento nei prossimi anni. Tanto che dopo Facebook è partita la corsa di diverse società come Microsoft ma anche, inaspettatamente, di Nike. E la Cina non sta a guardare. Bloomberg Intelligence stima che il mercato del metaverso entro il 2024 potrebbe raggiungere gli 800 miliardi di dollari.

Pet Portraits di Google consente di trovare il sosia d’arte degli amici pelosi. Google ha annunciato una nuova funzionalità per la sua app Arts and Culture: la possibilità di cercare tra migliaia di dipinti un sosia per i propri animali domestici. La società afferma che la sua funzione “Ritratti di animali domestici” consentirà di scattare una foto di un cane, gatto, pesce, uccello, rettile, cavallo o coniglio e di avere un algoritmo di apprendimento automatico per trovare opere d’arte al cui interno c’è un animale dall’aspetto simile. Il processo richiede solo pochi secondi e, come bonus, toccando le opere d’arte si potrà saperne di più.