English

Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

English

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Leonardo e il cloud di Stato

Google compra Mandiant

Il colosso controllato da Alphabet ha portato a termine l’acquisizione per 5,4 miliardi di dollari della società di cybersecurity Mandiant, che si unirà a Google Cloud mantenendo però il proprio marchio.

Il paradosso delle password

La sicurezza informatica è diventata un tema molto sentito a livello globale e c’è chi investe molto nella protezione dei propri dati personali. La protezione informatica passa per le password classiche, per i sistemi biometrici e per le cosiddette Otp (one time password), ossia credenziali usa e getta generate su o inviate a un altro dispositivo o a un altro account in nostro possesso. Il problema sta nella gestione di tutte queste password, spesso memorizzate sullo smartphone a causa della loro complessità. Ed ecco il paradosso: uno smartphone è solitamente accessibile con una sola password e ciò rende, di fatto, inutili (o quantomeno inefficaci) le altre misure adottate. Una delle possibili soluzioni è l’adozione di un password manager.

Leonardo e il cloud di Stato

Leonardo – in collaborazione con Cassa depositi e prestiti, Tim e Sogei – realizzerà il cloud di Stato. Si tratta del più grande progetto di digitalizzazione dei dati mai avviato nel nostro Paese. Se ne occuperà, in particolare, la divisione Cyber & Security Solutions, guidata da Tommaso Profeta, il quale ha dichiarato: “Il nostro ruolo è di garante degli aspetti di sicurezza e resilienza”. Un ruolo fondamentale se si considera l’allerta cybersecurity alzatasi nell’ultimo periodo.

Nasce il ‘poligono virtuale’ Cyber Unavox

Il nuovo sistema di addestramento alla guerra cibernetica – progettato e realizzato da Leonardo – si trova a Chiavari, presso la Scuola Telecomunicazioni Forze Armate, che può così ampliare i propri corsi con un nuovo master di secondo livello in Cyber Defence Governance, offrendo situazioni simulate di attacco e di difesa in ambito cibernetico.

Meta citata in giudizio per uso indebito del marchio aziendale

La Maim srl, società romana di comunicazione e public affairs, ha portato davanti al Tribunale di Roma Meta Platforms Inc per uso indebito del noto simbolo grafico a doppia ellisse. Secondo l’azienda, infatti, il colosso di Zuckerberg starebbe utilizzando un marchio già registrato in Italia il 29 ottobre 2021, con priorità dal 26 aprile precedente (giorno del deposito del marchio). La richiesta è dunque quella di accertare la contraffazione del marchio e di inibirne “qualsiasi utilizzo nel territorio italiano, anche tramite siti web o applicazioni ivi visibili e utilizzabili”.

Nasce il ‘metamuseo’ archeologico

Anche il Museo archeologico nazionale di Napoli approda nel metaverso e lo fa attraverso la realizzazione di vere e proprie sale virtuali. 400 reperti verranno così scansionati con la tecnica della fotogrammetria, che permette ottimi risultati in termini di affidabilità. Il progetto MetaMuseo è stato ideato dall’archeologa Cristiana Barandoni ed è organizzato in collaborazione con la Luddy School of Informatics dell’Università dell’Indiana.

Netflix: tre videogiochi in arrivo

La piattaforma di streaming ha annunciato una collaborazione con Ubisoft per la creazione di tre giochi esclusivi per mobile, che si uniranno a quelli già offerti dal proprio portale di gaming. Questi saranno inclusi nell’abbonamento, saranno scaricabili e non includeranno pubblicità o microtransazioni. La decisione di Netflix fa parte del suo piano per aumentare la propria attrattività e far fronte al calo degli abbonati.

Pillole