English

Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

English

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Emergenza cybercrime in continua evoluzione

Emergenza cybercrime: i problemi sono in continua evoluzione

Una ricerca condotta da Trellix ha rivelato che sempre meno aziende pagano il riscatto per recuperare i dati in caso di ransomware. Nonostante la buona notizia, però, il numero degli attacchi informatici non sembra diminuire. Check point software technologies rileva infatti che, ogni settimana, un’organizzazione su 40 viene colpita da attacchi di tipo ransomware e una ricerca condotta da SynSaber mostra che, nella prima metà del 2022, sono state scoperte 681 vulnerabilità negli Ics, i sistemi di controllo industriali. In particolare, i problemi principali riguardano gli impianti industriali, l’Internet of Things e i reparti Ot (Operation technologies) e i settori più colpiti sono quello governo-militare, l’istruzione e la sanità. Nell’ultimo anno, inoltre, il costo medio di un attacco ha raggiunto il livello più alto degli ultimi cinque, con una media globale di 4,35 milioni di dollari e di 3,4 milioni di euro per l’Italia (+13% rispetto al 2020). È quanto emerge dal report Cost of a data breach 2022 realizzato da Ibm Security.

Il conflitto russo-ucraino trasforma gli attacchi informatici

L’ultimo Cyber threats snapshot report, curato dal Security operation center (Soc) di Leonardo e focalizzato sulle principali minacce informatiche tra aprile e giugno 2022, mostra una fotografia del nuovo panorama dei reati informatici. Si nota, in particolare, che a seguito del conflitto si è riscontrato un aumento degli attacchi Ddos (Distributed denial of service), che consistono nel tempestare di richieste un sito al fine di metterlo ko. Una tipologia di attacco aumentata del 181% rispetto alla media del 2021. Una novità è rappresentata dai cosiddetti wiper, software malevoli che hanno l’obiettivo di cancellare dati e programmi.

Più di una volta su due, il phishing passa da Microsoft

Secondo il Brand phishing report di Check point research, LinkedIn e Microsoft costituiscono insieme il 58% degli attacchi di phishing a livello globale. Microsoft rappresenta il 13% di tutti i tentativi di brand phishing, più del doppio rispetto al trimestre precedente e LinkedIn è in cima alla lista, con il 45%. Considerando che il social dedicato al lavoro è di proprietà della società fondata da Bill Gates, si può dire che un’e­mail di phishing su due coinvolge i marchi Microsoft. Seguono DHL, Amazon, Apple, Adidas, Google, Netflix, Adobe e HSBC.

Google e l’AI “senziente”: licenziato l’ingegnere

Blake Lemoine aveva dichiarato a giugno che il modello conversazionale (chatbot) di Google, LaMDA, era diventato senziente. La notizia aveva innescato una serie di conversazioni sul tema e – dopo la smentita da parte del colosso – l’ingegnere era stato subito sollevato dall’incarico. Google ha recentemente annunciato il suo licenziamento definitivo per violazione delle policy aziendali sul lavoro e sulla sicurezza dei dati.

Spotify, Google, Microsoft e Facebook: performance in discesa

Spotify ha chiuso il trimestre con una perdita netta di 125 milioni di euro, ma il suo titolo è balzato di oltre il 10% in borsa grazie a un aumento degli abbonamenti più forte del previsto (188 milioni). Segni di rallentamento, invece, per Microsoft e Google (Alphabet), che però rendono in borsa e si alleano sul cloud. Per la prima volta nella sua storia, invece, Meta (controllante di Facebook) ha registrato un calo nei ricavi: 28,82 miliardi di dollari rispetto ai 28,94 attesi nel secondo trimestre. Meno anche gli utenti attivi al mese (2,93 miliardi rispetto ai 2,94 previsti). Nel secondo trimestre, i ricavi hanno perso l’1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e, dall’inizio dell’anno, Meta ha perso quasi il 50%  di valore delle sue azioni.

TikTok parla più lingue

Dopo l’introduzione dei sottotitoli automatici nel 2021, la società ha presentato nuovi strumenti per captions e traduzioni, per i creatori di contenuti, ma anche per gli utenti, che potranno guardare video sottotitolati automaticamente (ma anche con gli sticker di testo tradotti). Gli strumenti sono per ora attivabili solo su alcuni video.

Torna in crescita l’audience di internet in Italia a maggio

Secondo i dati di Audiweb, dopo il calo di aprile, le news aumentano dell’1,7%, mentre lo sport registra un +9%. In particolare, si nota un forte aumento dell’audience per la Gazzetta dello Sport (+27,9%) e per Fanpage (+13,4%).

Tim chiede sacrifici ai dipendenti

Il programma di “ottimizzazione dei costi” presentato da Tim ai sindacati sottolinea le difficoltà del periodo, con un bilancio in continuo peggioramento. I sacrifici cui si riferisce la società riguarderebbero una buona fetta dei 43mila dipendenti del gruppo, con tagli ai salari che potrebbero arrivare fino al 30%. Questi dovrebbero essere in parte compensati da integrazioni salariali, dai più classici scivoli e pensionamenti al contratto di espansione.

Pillole