English

Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

English

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

In arrivo il Socialometro?

Crescono le vendite online del Made in Italy

L’export sui canali digitali per le aziende italiane cresce e raggiunge nelle vendite dirette i 5,4 miliardi di euro. “C’è stata una crescita importante delle vendite dirette nell’online da parte delle aziende italiane: dai 4,1 miliardi di euro del 2020 si è passati ai 4,7 del 2021 e ai 5,4 di quest’anno – ha spiegato Roberto Liscia, presidente di Netcomm – In ogni caso, i 5,4 miliardi generati da vendita online diretta su mercati esteri rappresentano soltanto l’1% dell’export italiano nel suo complesso. E, pensando che al mondo ci sono oltre due miliardi di potenziali clienti online, è chiaro che possiamo e dobbiamo fare molto di più”.

Le influencer dello hijab

In Francia, la legge vieta di ostentare in pubblico simboli di appartenenza religiosa. Nonostante ciò – e forse anche per questo motivo – crescono sui social i profili di fede musulmana che invitano le studentesse a indossare il velo e abiti islamici in classe. A prima vista, si tratta di ragazze, per lo più adolescenti, che si riprendono nelle loro case, tra un balletto e una canzone. Ma in ogni video è presente la tematica religiosa. Una “minaccia alla laicità dello Stato” che preoccupa il Governo.

In arrivo il Socialometro?

Dopo i noti Redditometro e Risparmiometro, potrebbe essere introdotto il Socialometro. Si tratterebbe di un algoritmo che confronta la dichiarazione dei redditi con i post pubblicati in rete e che fa emergere differenze tra quanto dichiarato e la propria capacità contributiva, ricavabile in parte dai contenuti online. La proposta proviene dalla relazione sull’evasione allegata alla Nadef (nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza) ed è allo studio del Ministero dell’Economia, che potrebbe trasformarla in norma. Una disposizione simile è già stata adottata in Francia, dove l’applicazione della nuova metodologia è in una prima fase sperimentale.

Entro il 2026 avremo l’euro digitale

La presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, ha spiegato le caratteristiche dell’euro digitale a cui l’Unione europea sta lavorando. Si tratta di un mezzo di pagamento elettronico per i pagamenti al dettaglio, emesso dalla Bce e accessibile a tutti all’interno dell’area dell’euro. La nuova forma di pagamento non andrà a sostituire il contante, ma lo integrerà.

L’interfaccia di Gmail

Google ha annunciato che renderà la nuova interfaccia dell’app dedicata alle email quella standard. A partire da questo mese, dunque, gli utenti non potranno più tornare alla versione precedente, possibilità introdotta all’inizio dell’anno, ma limitata a una fase transitoria.

Professioni digitali in crescita

Le aziende del settore It italiane prevedono una crescita delle assunzioni del 14% per l’ultimo trimestre di quest’anno. Più del 60% delle offerte di lavoro, in particolare, si concentra nelle città di Milano, Padova, Torino, Roma, Bari, Napoli, Bologna, Udine, Verona e Catania.

Pillole